Annamaria Andreoli

Ha insegnato Letteratura italiana nelle Università di Bologna e della Basilicata. Dopo una lunga collaborazione con il Ministero per i Beni culturali (Ufficio centrale per i Beni Librari), dal 1997 al 2008 ha ricoperto la carica di Presidente del Vittoriale.

 

Studiosa di d’Annunzio, ne ha curato l’Opera nell’edizione mondadoriana dei Meridiani.


Pubblicato da Edizioni Sinestesie

Annamaria Andreoli

Il popolo autore nella Figlia di Iorio di Gabriele d’Annunzio

Il mito romantico del popolo autore, il mito dell’opera d’arte corale «che si fa da sé» non poteva trovare compiuta realizzazione se non sulla scena. La Figlia di Iorio (1903), capolavoro del d’Annunzio drammaturgo, ripropone un’antica leggenda dell’Abruzzo celtico e la vicenda, collocata in un tempo immemorabile, risolve vittoriosamente lo spinoso problema, tutto italiano, della […]